La scelta del marmo

scultura-statua-arte-venere-marmo-bianco-italian-art-design-arredo-giardino-cosebelleantichemoderne

“Io scelgo un blocco di marmo e taglio via tutto ciò che non è necessario. “

Auguste Rodin

Il marmo è una pietra che si forma attraverso un processo metamorfico da rocce sedimentarie. Può presentarsi nei modi più variegati: oltre al classico bianco, si trovano filoni di marmo con venature e trame diverse, sui toni del rosso, del verde, del giallo, del grigio, del viola. Le molteplici colorazioni e consistenze derivano dalla presenza di diversi minerali che, mescolandosi fra loro, creano sfumature e venature che rendono ogni oggetto unico e irripetibile.

Colorazioni e caratteristiche

Marmo Bianco

Il marmo bianco è quello considerato più pregiato sin dall’antichità; i classici lo consideravano l’unico puro e di valore, mentre i marmi colorati erano visti come pietre impure, per questo gran parte dei monumenti e delle statue costruiti allora sono in marmo bianco.
Il tipo di marmo bianco più conosciuto e pregiato è il marmo di Carrara, composto da fondo di colore bianco con tonalità uniforme ed omogenea e presenza di venature grigie, è a grana fine con possibilità di presenza di cristalli di pirite. La qualità del materiale di Carrara è definita dal candore dello sfondo e la composizione della venatura grigia

Nero Portoro

Il marmo nero Portoro è una particolare varietà di marmo originaria della provincia di La Spezia, in Liguria, e più precisamente della zona di Portovenere, nel Golfo dei poeti, da cui il nome Portoro. Si tratta di una pietra molto decorativa dal fondo nero profondo con intense venature color oro, ideale per la realizzazione di oggetti d’arredo lussuosi, dal sapore tradizionale eppure perfettamente adatti anche agli ambienti più moderni. La finitura che meglio esalta la sua bellezza è sicuramente la lucidatura, lavorazione che permette di rendere visibili le sue splendide venature color oro. Dal caratteristico colore nero intenso con venature dorate, è particolarmente adatto a realizzazioni artistiche ed eleganti.

Nero Belgio

Il marmo nero Belgio è un’elegante pietra naturale che si estrae dal Belgio e presenta solitamente uno sfondo di colore nero intenso e compatto ,con una impercettibile puntinatura bianca brillante, dettaglio che conferisce a questo marmo un aspetto originale e non convenzionale, che si colloca molto bene in contesti dal design moderno.

Nero Marquinia

Rosso Francia

Il marmo rosso Francia, anche conosciuto come Rouge Incarnat o Langedoc, è uno storico marmo francese che fu ampiamente impiegati nella fastosa architettura dell’Ottocento. Non è difficile ritrovarlo in Chiese e palazzi nobiliari in tutta Europa. La buona struttura di questo marmo consente il suo utilizzo con molteplici finiture, anche se la finuta lucida è senz’altro quella che maggiormente esalta il suo colore rosso vivo, arabescato con eleganti venature bianche.

Rosa Portogallo

Il marmo rosa Portogallo è caratterizzato da un delicato color rosa pallido, che a volte in base al blocco, può essere un bellissimo rosa antico con sfumature nocciola. Ideale per molti tipi di realizzazioni, questo particolare e candido marmo è usato soprattutto in progetti per interni sia d’impronta classica che moderna, caratterizzati sempre di una grande eleganza e raffinatezza.

Rosso Levanto

Il marmo rosso Levanto, o semplicemente rosso Levanto, è una varietà di marmo italiana dalla colorazione rosso-violacea già utilizzato dai Romani per la realizzazione di colonne, pavimenti e rivestimenti. Il fondo di questa pietra è caratterizzato da una pigmentazione prevalentemente rossastra, dovuta alla presenza di ossidi di ferro su cui risalta un suggestivo e fitto intreccio di venature color bianco lucido.
Questa varietà di marmo rosso è estratta in Liguria, prevalentemente nel comune di Levanto, da cui prende per l’appunto il nome, e nei comuni limitrofi della riviera.

Rosso Alicante

Il marmo rosso Alicante è una varietà di marmo estratta in Spagna , caratterizzato dal colore di fondo rosso aranciato, decorato da venature molto chiare, anche bianche. Il contrasto tra le venature e il fondo crea eleganti giochi cromatici, apprezzabili al meglio una volta applicata la finitura lucida. Ideale per esaltare l’eleganza di arredi d’antiquariato, ma anche per dare un deciso tocco raffinattezza ad ambienti moderni o rustici.

Verde Alpi

Il marmo verde Alpi è una pregiata varietà di marmo che si estrae prevalentemente in Valle d’Aosta, nelle Alpi occidentali. Ha una tonalità di fondo verde scuro che a prima vista può sembrare uniforme, ma in realtà ha un’infinità di sfumature chiare e scure e venature bianche e giallastre che lo caratterizzano e lo contraddistinguono. L’elevata lucidatura, che si può raggiungere grazie alla durezza del marmo verde Alpi, esalta il contrasto cromatico tra il verde del serpentino ed il bianco della calcite. È infatti un materiale ricercato per la singolare bellezza altamente decorativa, che dona pregio ed eleganza a qualsiasi tipo di ambiente ed arredamento.

Verde Saint Denis

Il marmo verde Saint Denis è una roccia che viene estratta in Valle d’Aosta ma presenta un fondo di colore differente e più chiaro rispetto alle altre varietà di marmo Verde Alpi presente nella regione alpina. Le venature che corrono lungo il blocco di marmo sono di una tonalità di verde decisamente più chiara, talvolta quasi tendente al bianco. Mar

Giallo Siena

Il marmo Giallo Siena è una pietra dal fondo prevalentemente giallo scuro, con venature che spaziano dall’avorio al giallo chiaro. È apprezzato fin dall’antichità ed è da sempre utilizzato nei rivestimenti e nella realizzazione sia di oggetti decorativi che di gioielli. Ideale per esaltare l’eleganza di arredi d’antiquariato e in generale il legno scuro, risulta di grande effetto in abbinamento al marmo nero Portoro, le cui venature dorate rimandano al giallo al colore di fondo del Siena. Risulta di grande impatto anche in ambienti dal design contemporaneo. Si pensa che l’utilizzo del marmo Giallo Siena in ambito architettonico, costruttivo e artistico abbia origine antica, probabilmente in epoca romana. I marmi estratti nella zona di Siena sono stati utilizzati da secoli in prestigiosi progetti architettonici come il Duomo di Siena, la Reggia di Caserta, il Duomo di Firenze e di Orvieto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *